Come attivare una buona abitudine

Come attivare una buona abitudine


5 minuti tempo di lettura


Come possiamo attivare una buona abitudine?

Per evitare una cattiva abitudine è consigliabile evitare la tentazione.

Per non mangiare troppa cioccolata, infatti, basta non comprarla.

Ma per le buona abitudini… come si fa?


 

La forza di volontà.

Lavoriamo dal lunedì al venerdì aspettando il week-end per andare finalmente in palestra, fare una corsa o una passeggiata o immergerci finalmente nei libri che ci aspettano sul comodino. Potremmo anche fare un’escursione in montagna o andare alla partita di calcetto. C’è anche la nuova mostra in città che non voglio perdere.. 

Bramiamo il week-end compilando la lista delle cose che amiamo fare, ma il sabato ci troviamo con il mal di testa oppure così esausti da non combinare niente. 

Se siamo costretti a fare un lavoro che non amiamo, utilizziamo tutta, o gran parte, della forza di volontà che abbiamo per portare a termini tali compiti. Non sorprende poi che dopo 8-10 ore di lavoro, abbiamo esaurito il serbatoio della forza di volontà ed invece di andare a correre, fare una passeggiata o tutte quelle cose che abbiamo immaginato per noi nel tempo libero, ogni sforzo ci sembra intollerabile e finiamo con la soluzione più semplice: restare sul divano a guardare la tv oppure con lo smartphone in mano immersi per ore nel labirinto dei social media. 

Ho parlato in passato di forza di volontà, quella risorsa preziosa e limitata, fondamentale per instaurare e mantenere buone abitudini. Dobbiamo considerare infatti anche la forza di volontà che impieghiamo in attività che non amiamo fare, ma che siamo costretti a fare.

Nessuno ci costringe a gestire in un determinato modo il nostro tempo libero, se non noi stessi, ma avendo finito il carburante, ogni piccola attività diventa così impegnativa che ci troviamo a scegliere la strada più facile, quella della pigrizia, anche se a lungo termine non ci rende felice. 

È stato scientificamente provato infatti che questo tipo di attività (guardare la tv o stare su Facebook) sono piacevoli solo per i primi 30 minuti, dopodiché consumano la nostra energia e attivando tristezza, noia, ansia, creando quello che gli psicologi chiamano “entropia psichica”, ovvero uno stato emotivo nel quale non si riesce a usare in modo efficace la propria concentrazione per affrontare i compiti esterni, perché ne abbiamo bisogno per ristabilire un ordine soggettivo interno.

È stato anche dimostrato che attività come lo sport, avere hobby, producono molta più energia e felicità. 


Perché allora passiamo il nostro tempo in attività che ci rendono infelici? 

Perché è la strada più semplice e perché per iniziare tutte queste attività (mettersi le scarpe per andare a correre, prendere la metro per andare a vedere una mostra, o fare qualsiasi cosa per iniziare l’attività) richiede uno sforzo iniziale che Csikszentmihalyi definisce come quella scintilla che attiva l’azione “activation energy”.

In poche parole quando siamo stanchi, non abbiamo energia, siamo più propensi ad impegnarci in attività più accessibili (il divano), ma meno gratificanti (la passeggiata o la mostra).

La stessa scintilla di cui abbiamo bisogno per attivare una buona abitudine.


 

Come attivare l’”activation energy”?

L’ambiente intorno a noi è pieno di tentazioni per le cattive abitudini, ma anche di stimoli per le buone abitudini. Ciò che possiamo fare è modificare il nostro ambiente in modo da facilitare l’attivazione delle buone abitudini ed eliminare le tentazioni delle cattive abitudini.

 

Play with “activation energy”: make good behaviors easier and bad behaviors harder

Mihaly Csikszentmihalyi

 

Qualche esempio:

  • Se stiamo cercando di dimagrire, evitiamo di riempire il frigo con alimenti che non dovremmo mangiare;

  • Se vogliamo bere più acqua, portiamo sempre con noi una bottiglia d’acqua. Vederla ci ricorderà di bere.

  • Se la mattina appena svegli vogliamo andare a correre, prepariamo le scarpe e i pantaloncini accanto al letto, se vogliamo fare yoga, prepariamo il tappetino. Oltre a facilitarci, è un valido metodo anche per risparmiare tempo;

  • Se vogliamo leggere di più, lasciamo il telefono e la tv in un’altra stanza e mettiamo il libro (o i libri) in bella vista..


La Vision Board come activation energy.

Una delle activation energy che preferisco è la vision board.

Quando sono senza energie e mi sento svuotata (il serbatoio della forza di volontà è a secco) apro il mio Planner STS e guardo la mia vision board. Ogni volta che  guardo le immagini di ciò che voglio realizzare, mi dico che posso raggiungere la mia visione: devo solamente fare un piccolo passo, e anche quando sono esausta, trovo la forza per fare un simple tiny shift.

Solitamente è sufficiente per attivare una catena virtuosa di azioni che magicamente mi ricaricano, invece di scaricarmi.

Scopri come creare la tua Vision Board qui.


PLANNER STS

PLANNER STS

€30,00

Il Planner STS ti aiuta a smettere di procrastinare grazie a piccoli cambiamenti giornalieri e ti permette di tenere traccia dei tuoi progressi.Leggi di più

« Torna al Blog